Impara... !
karsten-winegeart-6Ja5I4hRLyc-unsplash

Armocromia? Mmmh.. no, oggi no.

Armocromia_palette_colori

Oramai il concetto di armocromia ha spopolato e dopo tanti anni che ci speravo devo dire che ne sono felice. 

Sapete da dove nasce questo termine? La cara Rossella Migliaccio, per la quale nutro molta stima professionale e che mi ha personalmente introdotta a questo mestiere, ha coniato questo termine per indicare un’analisi del colore finalizzata a determinare una palette di colori in grado di valorizzare ciascuno di noi nel rispetto dei nostri colori naturali, in poche parole un inno all’armonia.

Concordo assolutamente con la maggior parte dei concetti che sostengono tale teoria, tuttavia in questo periodo mi sono ritrovata a pensare a cosa significa realmente e nella quotidianità la ricerca del colore perfetto e quindi della perfezione e mi chiedevo… “vogliamo davvero vivere una vita in palette dove ogni cosa é studiata per risultare armoniose giorno dopo giorno, a lavoro, all’aperitivo, a casa in pigiama”?

Prigioniere della palette?

Non fraintendetemi io sono una fan delle palette e adoro giocare con i colori ma ci sono giorni in cui mi va di apparire armoniosa e altri giorni o situazioni in cui scelgo di fare l’esatto contrario. Lo “scelgo” io.. perchè mi va così!

Vi faccio un esempio.. essendo io una palette summer soft i colori accesi e brillanti non mi rendono giustizia e dovrei indossare colori pastello la maggior parte del mio tempo, tuttavia in certe occasioni non mi sento un bonbon color cipria e azzurrino ma piuttosto una pantera in total black o perchè no, un panda in black and white. A volte ritengo più azzeccato e più giusto per me un look diverso che non rispecchia la mia palette ma rispetta il mio umore e lo stile che voglio rappresentare in quel preciso momento.

Ti è mai capitato di sentirti prigioniera della tua palette?

Armonia significa bellezza naturale ma non è una regola universale valida sempre e in ogni occasione, che ne dite?
Armocromia batte stile? O stile batte armonia? O forse il fatto di conoscere la propria palette è solo un’arma che abbiamo a disposizione ma non significa doverla usare sempre?

Libere di osare

La conoscenza ci rende liberi, liberi di giocare con la propria palette ma soprattutto libere di osare e sperimentare!
E sufficiente applicare una regoletta? Mh.. secondo me no. La teoria dei colori è scienza, lo stile è un’altra storia. Ed ecco a cosa servono i consulenti di immagine.

Non ci si limita all’analisi del colore perché ora va di moda, la consulenza è un processo complesso, non sempre veloce e quasi mai facile. Richiede sforzi e sacrifici per far proprie tutte le conoscenze, le tecniche, le teorie e occorre impegno costante per raggiungere gli obiettivi desiderati.

Questo è il mio pensiero.. E voi cosa ne pensate?

Condividi l'articolo

Grazie!

L’iscrizione è confermata!

Riceverai presto le ultime novità riguardanti eventi e promozioni!

dubbi?
Prendiamoci un caffè!

Non sei sicuro di quale sia il servizio più adatto a te? Fissa subito una chiacchierata senza impegno, online o in studio, come preferisci!